Giappone: devastazione e ritorno alla vita

Inaugurata l’11 Marzo a Roma, Galleria Alberto Sordi, la mostra “Giappone: devastazione e ritorno alla vita”. Una collezione di 30 scatti, in mostra fino al 17 Marzo. Un’evento in memoria dell’ottavo anniversario della tragedia del terremoto del Tohoku, e dello tsunami successivo, che fecero più di 15 mila morti. La mostra è stata realizzata da Yusuke Hishida, un fotoreporter giapponese che non si limita ad una cruda visione della devastazione. Il racconto fotografico è correlato da didascalie che narrano magnificamente l’emozione che le foto hanno suscitato nel fotografo. La mostra è molto interessante e anche bella, ma raggiunge vette impreviste grazie alla sensibilità con cui il fotografo racconta le sue stesse foto. Un monumento per chiunque consideri le didascallie nelle fotografie come superflue.

Il fotografo racconta la tragedia, con fotografie scattate nel 2011, e il ritorno alla vita, con scatti eseguiti negli anni successivi. Commemorazioni, lavori di ricostruzione e tristi monumenti alla tragedia. Una mostra che emoziona per l’immane tragedia e la grande tristezza di ciò che ha lasciato, ma con una nota di speranza che il lavoro dell’uomo possa curare queste ferite.

La fotografia qui in alto a destra è quella che è usata come copertina della mostra, e penso sia molto interessante riportare la didascalia della stessa:

Giugno 2012, Ishinomaki, prefettura di Miyagi

L’area dove si trovava la casa della nonna oggi è un prato in cui fioriscono trifogli bianchi.

A un anno e tre mesi dalla tragedia la nipotina è tornata offrendo una corona di fiori alla nonna.

This entry was posted in Esposizioni.